Musulmano + Atea = C. A. S. A.

Mondobaobab è un blog nato per raccontare la vita quotidiana tra due culture diverse.
Adulta Madre ci ha scritto pure una tesi nella seconda laurea in Scienze dell' Educazione.
Si intitolava così:   
COPPIE MISTE ITALIANE E SENEGALESI:
SCONTRO CULTURALE O SCONTRO DI COPPIA?

un bel titolino, insomma, che promette amore for ever...

Parlava di coppie miste, afro italiane, in particolare Italo- Senegalesi, delle loro problematicità e di come queste vengono affrontate.
La premessa non è semplice nè positiva: statisticamente queste coppie si separano in pochi anni, mediamente cinque anni di vita e spesso un bambino o più in mezzo.
Lo conferma la realtà: delle coppie miste che Adulta Madre e Padre frequentano molte sono madri o padri separati oppure vengono da famiglie precedenti e sono alla seconda chance, al secondo giro di boa, insomma.

Senza giudicare o elencare i soliti problemi che ci sono nella convivenza tra diverse culture e che spesso portano alla separazione, uno scoglio SICURAMENTE duro da far passare è quello che riguarda le religioni.

Ora più che mai, poi.

Noi facciamo così.
Adulta Madre è free religion, atea oscillante agnostica, educata senza religione negli anni '80 in una scuola dichiaratamente laica (Statale!) a stampo montessoriano PERO' con nonna e zia spiritual- cattolica che la portavano allora bambina a Loreto nella speranza di una conversione lampo alla vista della Madonna Nera. --- Mai avvenuta----
Da grande simpatizzante per l'oriente e le sue religioni ma sono argomenti che purtroppo non le entrano in testa. Si dimentica tutto in un lampo di Alzahimer precoce. Aneddoti, versione dei vangeli, anche quello di Matteo diretto da Pasolini ha fatto fatica a seguirlo.
Non ce la fa.
Ma alcune frasi le sono rimaste in testa, c'entrassero o meno con la religione.
LA BONTA' E' LA FORMA PIU' ALTA DI INTELLIGENZA, letta a vent' anni sulla parete di una casa.
E la storia della Maddalena con le pietre.
Chi è senza peccato scagli la prima pietra!
Forte, no? 

Sono concetti negli anni oramai interiorizzati.
E la tolleranza.
Il fare un passo in più dell' altro per capirlo.
Se no che avrebbe fatto a fare Scienze dell' Educazione passati i 35 anni?
no?

Adulto Padre è musulmano, educato in Africa.
Da genitori separati, ha vissuto con il padre.
In Africa dove vige la legge della collettività, della spartizione, PARTAGER, dicono in francese, condividere.
Il poco per tutti.
Ma dove anche le separazioni tra generi sono nette, marcate, fin da bambino.
Ti viene insegnato come ti devi comportare se sei maschio o femmina.
Poche sfumature ma frasi chiare.
E' così e basta.
La religione musulmana anche lei è molto netta. Tutta la cultura lo è.
Radici nel deserto. Dove di notte è freddo e di giorno è caldo.
O l'uno o l'altro.
La musica ha strumenti  monocorde.
E' una visuale polarizzata. O sei con me o sei contro di me.
Difficile da accettare nella cultura europea, dove tutto può essere tutto ma allo stesso tempo niente.

Ci vuole un passo in più per incontrarsi.
Il passo in più è stato fatto, in casa, da entrambi, forse.
Con fatica, certo.
Uniti dai figli e dalla volontà di stare insieme anche per loro.
Adulta Madre ha scoperto la famiglia e, stranamente, le è piaciuta.
Adulto Padre ha scoperto la famiglia (mononucleare) e, stranamente, gli è piaciuta.

Piena tolleranza verso le sue feste musulmane (i "Magal" dei Murid, la sua confraternita). Lui va, canta, sta insieme ai suoi compagni e spesso si porta anche Bimbo Grande con lui.
Perchè l'educazione dei figli non è privilegio esclusivo solo delle madri, come spesso fanno molte mamme (italiane...), ma bisogna lasciare anche ad altri i figli.
Perchè quello che per me è giusto e sacrosanto, il mio modello, spesso non è detto che si adatti perfettamente a mio figlio, ma lo devo modellare, appunto, su di lui. E viceversa.
E Bimbo Grande assorbe.
Bisogna permettere, tollerare che Bimbo Grande sia musulmano e prenda quello che per il padre è un valore importante. Poi quando sarà grande si vedrà.
M aBimbo Grande ci rimane male quando a scuola, qualche giorno fa, Maestra Italiano, con il suo solito tocco delicato, è uscita con la frase: "Come non lo sai? dei Musulmani ieri a Parigi hanno ucciso 11 persone!"
Per Bimbo Grande, Musulmano = Papà.
E vai a fargli capire che non è stato papà.
Che i terroristi son terroristi e basta. E hanno ucciso anche dei musulmani, tra l'altro. 
C'è bisogno del passo in più, anche nella scuola di Maestra Italiano.

Se entrambi si fa muro, inevitabilmente ci si scontra.
E sono solo cocci di mattoni che non servono a nulla.

Ecco, all'Europa tocca fare il passo in più.
Sarebbe bello per i nostri figli, ormai, INEVITABILMENTE, misti.

  1. Ciao! Anch'io in coppia italo-senegalese, neolaureata a 33 anni suonati...non del tutto cattolica...e molto confusa su tante questioni relative a integrazione cultural-religio-amorosa... 
    Ci sono dei dubbi dettati dalla poco (mia) informazione religiosa...come sarà la nostra vita se decidiamo di avere dei figli insieme? Quali sono gli aspetti della sua religione che possono creare contrasto con la mia?
    Parliamone....

    RispondiElimina
  2. Ciao cara! grazie del tuo commento!
    sicuramente la questione religiosa è la uno degli aspetti più difficile da gestire in una coppi italo-senegalese. Con i figli, generalmente dalla mia esperienza, succede che il figlio prende la religione sentita come più "forte" in termini di pratiche e usanze e quindi spesso è quella musulmana. Ogni caso è a sè, conosco coppie che hanno fatto seguire ai figli entrambi i credi, altre hanno favorito quella musulmana, specialmente se il padre è stato presente nll'educazione dei figli. I contrasti nella vita quotidiana, nl mio caso, sono partiti concretamente con il mangiare o meno il maiale. Io lo mangiavo, evitavo di darlo ai bambini ma piano piano ho finito per eliminarlo anche io,( non è bello mangiarlo da sola) e far fare la dieta musulmana anche ai bambini a scuola. Il mio compagno spiega lui stesso la religione ai bambini. Certo, nel caso del divieto di mangiare maiale, bisogna farlo capire (vedi il post No Maiale, no party) e spesso non è facile. Tutto dipende dalla sensibilità di entrambi per favorire il famoso "passo in più". Il mio consiglio è di darsi del tempo per conoscersi e modificare i propri atteggiamenti e usi verso una maggiore apertura (e che sia reciproca!!). Poi se è maschio c'è pure la questione della circoncisione.... uuuhhh! e questo merita un post a parte!

    Elimina

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Clint Isaac (giovedì, 02 febbraio 2017 14:12)


    First off I want to say superb blog! I had a quick question which I'd like to ask if you don't mind. I was interested to find out how you center yourself and clear your thoughts prior to writing. I have had difficulty clearing my thoughts in getting my thoughts out there. I truly do enjoy writing however it just seems like the first 10 to 15 minutes are lost just trying to figure out how to begin. Any recommendations or tips? Kudos!