Rebranding: Mondobaobab un anno dopo

Sentivo l'esigenza di scrivere questo post per fare un bilancio un anno dopo il mio rebranding fatto nel luglio 2016 con Gioia Gottini.

Un anno fa Gioia ha analizzato attraverso il programma Re-visione il mio vecchio blog fatto con blogger e lo ha condensato in 20 pagini di analisi e suggerimenti ad hoc.

La prima cosa che mi aveva colpito del suo report era il suggerimento di avviarmi in forma più seria non verso la partita Iva ma verso l'apertura di un'Associazione Culturale. E la cosa strana è che ci avevo pensato anche io e a giugno del 2016 eravamo capitolati, 3 soci fondatori, davanti alla commercialista e aperto Ideamondo Associazione Culturale.

Ideamondo è la crescita di Mondobaobab. Per chi lo conosce e segue Mondobaobab è stato dal 2013 una sorta di racconti in chiave creativa e interculturale della mia famiglia italo africana, dei nostri problemi e scontri culturali e delle nostre vittorie di condivisione e crescita.

Lo slogan era: incontri e scontri sotto lo stesso tetto.

Doveva evolversi perchè è evoluto anche il mio lavoro e avevo bisogno di creare uno spazio concreto dove portare i miei progetti e idee.

Uno spazio fisico dopo tanto perigrinare in giro a fare workshop e arteterapia. Uno spazio non solo per me ma anche per gli altri, dove proporsi ed esporsi. Per questo un'Associazione sounds good.

 

Il blog per me (cosa è diventato)

Il blog è diventato più strutturato in tre aree: creativa, famiglia e cultura. In ogni post faccio un riferimento finale a dove/ cosa faccio quella settimana, dove mi possono trovare e cosa fare con me. Mi ha portato clienti?

Ma si, dai! Ho chi mi segue sul blog ed è attratto dai workshop che faccio.

I gruppi facebook dove si parla di coppie e famiglie miste, di Senegal e multi cultura sono quelli dove i mei articoli vengono più letti, commentati e condivisi.

La fatica maggiore è scrivere a frequenza settimanale. Generalmente sono una persona che ama scrivere, fin da piccola scrivevo volentieri ma a volte mi pesa, soprattutto in questo periodo che devo fare mille cose pratiche per avviare il laboratorio e lo spazio di Ideamondo.

Ho un calendario editoriale, lo rispetto come frequenza, pubblico ogni mercoledì, lo rispetto meno per i contenuti (ahimè), niente, vado sul momento e su cosa succede.

E' sicuramente un pubblico di nicchia, non generalista come tematiche. Ad esempio non gli interessa il tema bambini e scuola ma bambini misti e i problemi che possono incontrare a scuola. Dal razzismo al bullismo, fino alla scelta se frequentare o meno l'ora di religione.

 

Cosa ha funzionato

La strutturazione del sito sicuramente ha funzionato: adesso è chiaro, comprensibile e usufruibile in modo pratico.

Gioia ha una capicità di semplificare il tuo disordine in modo eccellente.

Adesso sta a me aggiornarlo.

Ho più chiaro il mio cliente ideale e questo è spesso anche il lettore del blog: donna, età tra i 25  e i 40 anni, aperta mentalmente, spesso con un'esperienza di vita o di coppia con l'Africa.

Su facebook la pagina dell'Associazione Ideamondo sta crescendo, facciamo promozioni dei post collegati agli eventi, ai workshop e riceviamo anche contatti. Di parallelo anche la mia vecchia pagina Mondobaobab mantiene il suo stile, soprattutto la utilizzo per il blog, per condividere temi legati al multi culturalismo e all'arte o per far conoscere i nuovi prodotti hand made che faccio.

 

Cosa non ha funzionato per me

I Video! Gioia mi aveva consigliato di pubblicare video, tutorial a cadenza mensile. Ne ho fatto qualcuno, anche con mia figlia insieme, almeno si divertiva con me a tingere i tessuti. Ma faccio fatica. A trovare temi, idee, tanto tempo per montarli in qualcosa di utile. Più facile caricare un video del momento su cosa faccio, sul working in progress. Ma dico basta ai tutorial.

 

Cosa ho realizzato

E' la mia parola dell'anno: REALIZE. Ogni giorno, piccoli e grandi obiettivi. Ho un piano di massima di quanto vorrei guadagnare ma ancora questa non è la mia attività principale bensì una delle mie due (grosse) attività. A un anno dall'apertura dello spazio sarà tempo di fare bilanci.

Certo che dall'apertura a marzo 2017 ho avuto molti, molti contatti di persone interessate a collaborare con lo spazio. Alcuni hanno concretizzato, alcuni no, alcuni vorrebbero riproporsi, alcuni li devi sempre richiamare (che fatica!). Ma questa del valorizzare lo spazio anche con progetti di altri è l'aspetto che mi sta piacendo di più.

 

Cosa c'è da fare ancora

Sicuramente lavorare sul marketing. Per farsi conoscere non solo virtualmente ma anche nel quartiere, visto che abbiamo un posto fisico vero e proprio. Abbiamo individuato le 3 direzioni che porteremo avanti: uno spazio per oggetti artigianali da diverse provenienze del mondo, uno spazio temporaneo per mostre di artisti che vogliono esporsi e farsi conoscere, uno spazio per corsi creativi- linguistici anche per bambini.

Volantinaggio, apertura dello spazio, proporsi, proporsi continuamente.

 

Come vorrei vedermi tra un anno

Con un'immagine molto "Gottiniana" vorrei essere ad osservare i fiori che staranno per sbocciare, ben sapendo che la semina è, comunque, ogni anno.

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Daniela Rocco (mercoledì, 28 giugno 2017 12:01)

    Ciao Paola. Io ti seguo e ti leggo che e' un piacere!! E ho 56 anni ��!! Non so cosa cio' voglia dire per le tue statistiche. E sono tra quelle persone che collaboreranno, spero! Anche se il particolarissimo momento storico non mi ha ancora permesso di quagliare... ti invio presto info sul lab Mille colori... CIAO! DANIELA

  • #2

    paola (mercoledì, 28 giugno 2017 13:18)

    Tu sei fuori statistica �
    Dai,ti aspetto,grazie Daniela!

  • #3

    Maria Grazia (martedì, 04 luglio 2017 19:54)

    Un post interessantissimo, oltre al blog affascinante, che ho scoperto su fb.
    Come municipale e pure io sono in fasee di rimeditazione del sito, che ho avviato e devo sistemare, ma anche del mio prodotto. Più che altro io vorrei puntare all'offerta di creazioni che non sono omologate ma appartenenti ad essere ad un antico mestiere, la modisteria. Però è difficile. Il tuo post mi sistiene nella necessità di riflessione. Grazie

  • #4

    paola (martedì, 04 luglio 2017 21:44)

    Ma grazie! Mi fa piacere,far riflettere! Comunque essere di nicchia oggi come oggi e' un plus ultra!
    Quindi... Andiamo avanti così! Seguiamoci ❤ !