Sei straniero e vuoi un lavoro? leggi qui

Sottotitolo: c'è sempre speranza se sei intraprendente.

Post datato del 2012 ma attuale, le vie dei conteiner sono infinite.

 

Adulto Padre ha trovato da qualche anno una nuova Vena Aurifera: i conteiner per il Senegal.

Complice la crisi, visto che in qualche modo bisogna arrangiarsi, Adulto Padre ha deciso di sacrificare ogni misero euro intascato nell' acquisto di scooter in Italia, da rottamare e quindi non commerciabili, in Senegal, leggi da vendere come l'oro. In Senegal mancano gli scooter come tante altre cose e si vedono, come tante altre cose, ad un prezzo assai maggiore che in Europa.

Ogni giorno è buono per scovare su Ebay o nelle officine meccaniche qualche motorino inutilizzato o pezzi di ricambio da rivendere. Tutto questo viene stipato più o meno in modo confusionario in un box al terzo piano sotterraneo che Adulta Madre non riesce a vendere in zona Lambrate nella Grande Città.

Ma siccome gli affari crescono di giorno in giorno e i pezzi da stipare sono sempr di più, Adulto Padre ha magazzini satellite nel nord Italia: uno in Liguria al mare, uno da dei suoi amici senegalesi nel pavese, uno nella cantina di casa.

Una sera esordisce che finalmente son piovuti i soldi dal cielo! Il continer è pronto per partire!

Iniziano le grandi manovre: Il fratello di Adulto Padre scenderà dal Piemonte assieme a un furgone e a un guidatore poichè nessuno dei due fratelli ha la patente (cioè: quella senegalese ce l'hanno, ma tutti i senegalesi la possiedono, poi qui non è valida, quindi...) e insieme caricheranno il furgone alla volta della Liguria dove il conteiner aspetta di partire verso il Sud.

C'è solo un piccolo problema: i suoi amici del pavese devono portare in casa nella Banlieue le robe di Adulto Padre, solo due vetrine portabibite, la sera prima dell' arrivo del furgone per un problema di logistica.

Adulta Madre: Certo, non c'è problema, se son solo due vetrinette.

Alle nove di sera nella Banlieue ecco che arriva il furgone con gli amici dal pavese.

Un furgone per due vetrinette? pensa Adulta Madre, prima di uscire per una birretta con una sua amica.

Torna dopo due ore.

La casa è invasa in tutto il corridoio, in tutta la sua altezza, da televisori, dvd vecchio modello, lettori VHS (esistono ancora? si, per il Senegal!), telefoni, vario reparto elettricità, antenne, moden, televisori schermo piatto, frigobar. Stessa scena attorno alla finestra della cucina e del soggiorno.

Delle vetrinette neanche l'ombra.

Adulta Madre è chiaramente alterata e NON dalla birra.

Ora: peccato non aver fatto nessuna foto perchè Adulto Padre nega che tutto ciò sia accaduto.

E' passata una settimana e Lui insiste che erano solo due vetrine.

 

Per fortuna è passato anche qualche anno, ma non è che sia cambiato molto, per certi punti di vista.

Per altri sì. Per Adulta Madre sì.

E adesso ha uno spazio, un'Associazione Ideamondo dove ci saranno anche eventi legati al tema dell'Africa e i suoi hair style super divertente e dell'arte terapia GRATUITO (ce n'è tanto tanto bisogno, non credi?) e una newsletter dove ti aggiorno di tutto e ti puoi iscrivere anche tu qui.

Ah si, pure instagram, the future, dicono.

Crediamoci!

Scrivi commento

Commenti: 0